LE TRE "E" PER L'ITALIA

Dalle tre “i” (inglese, informatica e impresa) proposte dalla destra e peraltro mai realizzate, alle tre “e” per l’Italia, per definire l’orizzonte della mia azione politica:

Ecologia: un Paese capace di valorizzare la cultura per l’ambiente, il verde, il territorio, lo spazio pubblico; investire in manutenzione e messa in sicurezza dei numerosi siti a rischio dissesto.
Pianificazione e tutela ambientale per agevolare fruibilità e vivibilità e avvio di una forte rete di economie della sostenibilità legate allo straordinario patrimonio verde in cui spesso i valori della natura si sposano con quelli del patrimonio storico-artistico.
Costruzione di una rete ecologica, consolidamento del sistema delle aree protette e dei Parchi.

Economia dell’intelligenza: un Paese in cui la creati-vità, i saperi e la conoscenza divengano volano strutturale dei processi di sviluppo. Dove il capitale cognitivo sia traino dell’'economia nazionale.
Un Paese che per uscire dalla profonda crisi in cui si trova decida di dare assoluta priorità all’investimento in ricerca, università, cultura, tecnologie, servizi, terziario avanzato, turismo: settori fondamentali di quella che può essere definita l’economia dell’intelligenza.

Equità sociale: una Nazione che non lascia indietro nessuno e si cura dei propri cittadini senza distinzione di origine, di censo e di formazione.
Promozione di politiche mirate all’eliminazione delle sacche di disagio più gravi, attraverso la riqualificazione delle periferie urbane, con attività di servizi verso gli anziani, i bambini e verso tutti coloro che hanno maggiormente bisogno. Adozione di un vero e proprio Piano Regolatore Sociale.
Senza pacificazione sociale ed equità non può esserci sicurezza e stabilità. Senza solidarietà e coesione sociale non può esserci sviluppo né vero progresso.

 


 shapeimage_9Festina Lente

 

Tra pochi giorni si vota e il destino di questo Paese è nelle nostre mani.

Occorre l'impegno di tutti per scongiurare il ritorno ad un passato (che, per altro, tanti sacrifici è costato in termini economici). 
Occorre rafforzare il PD per dare all'Italia un governo stabile e duraturo che rassicuri i mercati e consenta di avviare quelle politiche, certo di risanamento, ma soprattutto di equità e di attenzione ai ceti deboli. Politiche che guardino anzitutto al mondo del lavoro e in generale allo sviluppo (in tal senso vi invito a scaricare la sintesi del programma del PD per verificare le nostre principali proposte politiche).
                                          Ivana Della Portella


              Sintesi del programma del Partito Democratico


P.S. Molti mi hanno chiesto come votare per me. Chiarisco che non si può indicare il mio nome sulla scheda visto che ancora vige il Porcellum come sistema elettorale (tant'è che il PD è ricorso alle primarie per dare voce e rappresentanza alla suo elettorato e lì, come sapete io ho concorso, raggiungendo una buona affermazione).  Ora se il PD risultasse nel Senato (collegio del Lazio) il primo partito con un’alta percentuale sarei nel prossimo Parlamento. Basta dunque votare il simbolo del PD e farlo votare alla propria cerchia di amici e parenti, per aiutare me e soprattutto questo Paese a darsi finalmente una svolta.




Per le prossime elezioni politiche i seggi saranno aperti domenica 24 febbraio dalle 8.00 alle 22.00 e lunedì 25 dalle 7.00 alle 15.


PER IL SENATO E PER LA CAMERA NON SI POSSONO ESPRIMERE PREFERENZE 

                        Scarica il fac simile della scheda


             

Ivana Della Portella è storica dell’arte e critica d’'arte. 

Ha collaborato con riviste e quotidiani nazionali (“Paese Sera” e “l’Unità”) con recensioni, interviste e rubriche culturali. 

Ha curato per la RAI filmati e dossier sui temi alla difesa valorizzazione del patrimonio monumentale.

E’ stata Eletta Consigliere Comunale di Roma  [(dal 1993) ha ricoperto l'’incarico di Vicepresidente della Commissione Cultura e poi successivamente quello di presidente della Commissione Consiliare Ambiente (sino al 2007) ].
Ha pubblicato due libri su Roma Sotterranea (Newton Compton edizioni 1996) di cui il più recente (Arsenale Editrice, 1999) anche in edizioni internazionali, inglese e tedesche. Ha pubblicato inoltre, un altro libro sull’Appia Antica (anche questo in ed. internazionali) nonché vari altri contributi scientifici in cataloghi e altro. E’ prossima l'uscita di un’altra sua pubblicazione (Viaggio sentimentale per la Campagna Romana).

E’ stata consigliere direttivo del Parco dell'’Appia Antica (1998) e direttore del Centro di documentazione intitolato ad Antonio Cederna (1999). 

Attualmente è membro del Comitato per la bellezza intitolato ad A.Cederna.

E' stata membro della segreteria dei Ds di Roma come responsabile del settore Ambiente e Beni Culturali.

E’ stata Presidente della società Zetèma progetto cultura (2007-2008). 

E’ responsabile della scuola di formazione della segreteria regionale del PD del Lazio.



        Dov'e' IVANA?
 

Prossimi appuntamenti:
   Ambra

"C’è bisogno di te, della tua partecipazione, del tuo coraggio, delle tue idee per costruire un nuovo inizio"

    Un saluto caro 
                     Ivana 
 

Site Map